Direttiva europea sul whistleblowing: è arrivato il momento di pensare ai vostri canali di segnalazione interni

Scandali come Dieselgate, LuxLeaks, Panama Papers, il caso Cambridge Analytica e, più recentemente, quello Danske Bank hanno dimostrato il ruolo chiave, ma anche la vulnerabilità, di chi segnala. L’Unione europea ha capito che, probabilmente, questi scandali non sarebbero mai venuti a galla senza le segnalazioni coraggiose di fonti interne. Nell’aprile del 2019, è stata adottata la “Direttiva sulla protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione”, nota anche come “Direttiva europea sul whistleblowing”.

La Direttiva europea sul whistleblowing impone alle organizzazioni con più di 50 lavoratori di adottare misure volte a proteggere dalle ritorsioni i dipendenti che denunciano, istituendo canali di segnalazione interni anonimi e stabilendo procedure chiare.

Gli Stati membri (e i soggetti giuridici) sono tenuti ad adeguarsi entro la fine del 2021. Le organizzazioni con meno di 250 dipendenti hanno due anni in più per adeguarsi.

È stata introdotta una struttura di segnalazione a tre livelli, che darà a chi segnala l’opportunità di condividere le proprie preoccupazioni tramite i seguenti canali:

  1. Canali di segnalazione interni: devono essere istituiti da qualsiasi soggetto giuridico con più di 50 dipendenti;
  2. Canali di segnalazione esterni: gestiti delle autorità nazionali preposte o da istituzioni, organismi, uffici e agenzie dell’Unione europea competenti; oppure
  3. Canali di segnalazione pubblici: rivolgendosi, come ultima risorsa, direttamente ai media.

Coloro che denunciano sono incoraggiati a usare per prima cosa i canali di segnalazione interni, ma questo non è obbligatorio per ricevere protezione. Possono scegliere il canale che preferiscono, ad esempio quando temono ritorsioni.

È il momento… di capire che la segnalazione di illeciti diventerà un tema caldo.

La Direttiva europea sul whistleblowing ridurrà gli ostacoli alle segnalazioni e questo è un bene! Le persone saranno incoraggiate a denunciare e questo contribuirà a rendere più trasparente la società, proprio come l’introduzione dell’RGPD ha dato il via alla tendenza irreversibile a dare sempre più importanza a privacy e trasparenza.

Ciò significa anche che è il momento di concentrarsi sui propri meccanismi interni di segnalazione. Se adottate un sistema di segnalazione efficiente e sicuro, i vostri dipendenti si sentiranno più a loro agio a sporgere denuncia internamente. Quindi, la vostra organizzazione avrà la possibilità di individuare e risolvere i problemi il prima possibile. Altrimenti, i dipendenti potrebbero pensare di non avere altra scelta se non quella di rivolgersi alle autorità o ai media (con informazioni riservate).

Quindi… pensate a ciò che serve per istituire un sistema efficiente e affidabile e date ai vostri dipendenti una vera opportunità di denunciare!


Parla con i nostri esperti

Volete saperne di più, discutere alcune idee o condividere opinioni?

Contattaci